Riflettori puntati sugli insegnanti: Ann Schreppers

Posted in teacher spotlight |
Teacher Spotlight: Ann Schreppers

Manduka è stata fondata con il semplice concetto di creare una fondazione per sostenere coloro (insegnanti, studi, guide della comunità) che Inspire the Practice. Gli insegnanti e gli studi di yoga ispirano più di quanto possano mai sapere. Diventano persone e luoghi di familiarità, conforto, comunità e gioia. Aiutano a creare forza nel caos. Ci spingono quando è necessario e ci concedono spazio quando è meglio. Facilitano i nostri "momenti" dentro e fuori dal tappetino. Semplicemente, sono la nostra ispirazione.

Manduka è grata alle migliaia di insegnanti e studi che fanno del lavoro della loro vita la creazione di un santuario in cui muovere il corpo, liberare la mente e trovare la pace. Anche se per un momento, vi onoriamo e vi ringraziamo per aver ispirato la pratica. L'ispirazione è ciò che ci unisce tutti per rendere noi stessi e questo mondo un posto migliore.

In linea con il nostro impegno costante a Inspire the Practicesiamo entusiasti di presentarvi Ann Schreppers. Siamo siamo entusiasti di saperne di più su di lei. Chi è? Cosa spinge il suo lavoro? Qual è la sua missione? Cosa alimenta la sua ispirazione?

Vi presentiamo Ann:

  • Nome: Ann Schreppers
  • Residenza: Belgio
  • Progetto: Yoga4Kenya

State per incontrare Ann, una yogi dedita alla pratica da un decennio. Con una formazione in danza classica e moderna, il movimento è sempre stato la sua medicina, un modo per esprimere le emozioni e connettersi con se stessa. Il suo viaggio si intreccia con una profonda ricerca spirituale, innescata da una profonda compassione per tutti gli esseri viventi e dal fascino per i misteri dell'universo.

Tutto è iniziato durante uno stage internazionale in Indonesia nel 2014. Tra la cultura sconosciuta e le difficoltà personali, Ann ha trovato conforto sul tappetino da yoga, nonostante la barriera linguistica. Da quel momento di trasformazione, si è dedicata allo yoga, accumulando oltre 1000 ore di formazione e quasi 10.000 ore di insegnamento.

Tornata in Belgio, l'impegno di Ann nella sua pratica ha attirato l'attenzione di amici e coinquilini, portando a sessioni di gruppo improvvisate e infine a opportunità di insegnamento. Questo viaggio l'ha portata a diventare un'istruttrice di yoga a tempo pieno, gestendo uno studio e guidando altri nel loro percorso di yoga.

Nel 2019 Ann si è imbarcata in una nuova avventura, viaggiando in tutto il mondo per insegnare in ritiri e centri benessere e creando programmi di formazione per insegnanti di yoga e di empowerment, tra cui il suo progetto più recente Yoga4Kenya.

Attraverso il suo viaggio nello yoga, Ann continua a scoprire di più su se stessa, alimentata da curiosità, compassione e umiltà. La sua missione si estende oltre il tappetino, ispirando un cambiamento positivo in se stessa e nel mondo che la circonda.

Yoga4Kenya

Come ha fatto Yoga4Kenya Come è nato Yoga4Kenya e qual è la sua visione di questo progetto?

Sono convinta che l'istruzione sia l'unico mezzo per creare pari opportunità e conferire ai bambini - e a tutte le persone - conoscenze che spesso vengono tralasciate nel loro ambiente domestico. Mi affascina in particolare l'assistenza sanitaria, e in particolare la salute mentale, e i modi per abbracciare un approccio più preventivo alla salute e alla medicina in questa società.

Il "curriculum consapevole" - e il progetto pilota "Yoga4Kenya" - è il mio obiettivo di istituzionalizzare la consapevolezza come diritto umano fondamentale nella società, a partire dalle istituzioni scolastiche. È un quadro accessibile che introduce la filosofia e la pratica dello yoga in modo molto scientifico e la traduce in pratiche semplici che possono apportare un grande cambiamento. Il motto di Nelson Mandela "sii il cambiamento" è e rimane il mio mantra principale per andare avanti con forza e determinazione in questo viaggio. 

Negli ultimi 5 anni ho viaggiato a tempo pieno e, mentre conducevo uno dei miei ritiri annuali in Italia, una delle partecipanti mi ha parlato di sua sorella. ha fondato una scuola di medicina integrata in Kenya, chiamata 4KENYA. Non ho esitato a contattarla e mi sono recato sul posto per ospitare un ritiro e per vivere e lavorare nella scuola, in modo da conoscere meglio gli studenti e le sfide che affrontano ogni giorno. Mentre ero lì, molti degli studenti, incredibilmente brillanti, hanno chiesto una certificazione o una formazione più formale e inizialmente è nata l'idea di ospitare una formazione certificata di 50 ore YTT. 

Riconoscendo la necessità di una formazione accessibile, ho sviluppato un programma incentrato sui "tre chakra inferiori". e sulla connessione fondamentale con le competenze trasversali di sicurezza, resilienza emotiva e autostima". come obiettivo chiave. Attingendo alle mie esperienze di giovane studente (lottando con problemi di salute legati allo stress, come l'ulcera allo stomaco e l'ansia durante l'università)ho elaborato un programma di studio che rispetta le loro identità culturali e promuove valori universali. 

Può descrivere il suo approccio all'insegnamento dello yoga ai partecipanti?

Il gruppo di studenti era composto da 30 operatori sanitari comunitari di età compresa tra i 18 e i 25 anni, che sono ambasciatori nella comunità per l'educazione al benessere psicofisico. Costituiscono il ponte tra gli ospedali e le comunità e offrono servizi nella comunità (che è in gran parte analfabeta) per affrontare le endemie e altre sfide sanitarie del Paese. Poiché gli studenti erano completamente nuovi allo yoga, giovani e a volte un po' timidi, le lezioni di yoga sono state condotte in modo molto leggero e di supporto. In ogni lezione mi sono concentrata su ciò che ci unisce (gli studenti e io - pur riconoscendo di essere la più grande studentessa e discente in tutto questo) e ho iniziato da un luogo di apertura, fiducia e comprensione. Il servizio è il mio dharma, il mio scopo, e sono convinta che sia essenziale costruire la sicurezza attraverso la propria presenza ed energia e una comunicazione chiara.

Il gioco e la condivisione delle risate sono stati fondamentali in questo percorso, così come è importante imparare a godere del processo di caduta e di rialzo. Abbiamo praticato classi più potenti (abbiamo giocato con i cavalletti a mano e ci siamo aiutati a vicenda a entrare e a superare la paura in un ambiente sicuro), perché questo diventa un'occasione di crescita. Questo fa muovere il corpo e aiuta molto la resilienza e la fiducia in se stessi, perché rimuove la tensione e lo stress accumulati. Alla luce dell'idea di "uscire dalla zona di comfort", abbiamo anche esplorato il movimento intuitivo, le danze condivise e pratiche più meditative come il Nidra, il lavoro sul respiro e persino una guarigione sonora. Ho anche condiviso lezioni teoriche su alcuni approcci olistici/preventivi alla salute (Ayurveda e medicina cinese), sul sistema nervoso, sui traumi e sulla mentalità per completare e approfondire la loro esperienza.

In che modo la pratica dello yoga favorisce la crescita fisica, mentale ed emotiva di questi yogi?

Viviamo in una società dominata dalla mente, spesso presa dallo stress legato al futuro e al passato. Dato che questi bambini spesso portano un pesante fardello finanziario della famiglia, le questioni legate al denaro possono causare molto stress, così come le paure legate al loro futuro accademico e alla capacità di guadagnarsi da vivere. Il costante apporto di informazioni porta a un eccesso di sensazioni e a un completo sovraccarico del sistema nervoso. Muovere il corpo in modo consapevole crea uno spazio per l'esplorazione interiore e mette in evidenza la capacità di elaborare e digerire invece di consumare nuove informazioni. Fare una pausa e respirare, perché è tutta una questione di gestione dell'energia e spesso siamo reattivi e spendiamo tutta la nostra preziosa energia per preoccuparci (perché semplicemente non ci è stato insegnato a farlo in modo diverso).

Ci insegna anche a invitare a nuovi approcci attraverso le sfide, costruendo una maggiore resilienza nella nostra mentalità. La connessione con il momento presente rende gli studenti consapevoli di se stessi e della loro capacità di scegliere il modo in cui affrontare le sfide e le richieste quotidiane. Imparando a regolare il sistema nervoso, non ci limitiamo più a reagire alle sfide, ma creiamo e affrontiamo la vita con maggiore compassione, curiosità e chiarezza. La condivisione di questo aspetto nella comunità ha creato un clima molto forte per gli studenti, che hanno potuto condividere le idee tra loro e celebrare i successi degli altri.

Da completando yoga con la scrittura di un diario per comprendere le priorità principali e suddividerle in modo da poter indirizzare la propria energia verso ciò che si può cambiare e controllare, agire giorno per giorno, accettando e aprendosi maggiormente ai risultati.

La mia passione consiste nel guidare gli altri verso l'auto-emancipazione, trasformando i sentimenti di vittimismo in passi proattivi verso la crescita personale e l'amore per se stessi. Crescere da un luogo di accettazione e amore per se stessi, per me, è il dono più bello della vita. 

Progetti in azione

Sono stata molto benedetta dalla disponibilità dell'incredibile team della scuola/università quando ho avviato il progetto. Non avrei mai potuto farlo senza l'aiuto e la disponibilità dell'ambiente circostante ed è stata una vera benedizione ricevere questo sostegno. Dal sostegno di Manduka Europe per per la fornitura dei tappetini da yoga, al sostegno finanziario della mia comunità per la realizzazione del documentario e delle foto, al supporto dell'UGent per la creazione di una base scientifica per il programma.

Come in tutte le cose, nulla è possibile senza il sostegno di chi ci circonda... Quindi la mia più profonda gratitudine va a tutti coloro che hanno creduto in me e hanno sostenuto questo bellissimo progetto in qualsiasi modo.

Per il futuro, ho intenzione di integrare questo progetto nel programma scolastico e di estenderlo ad altre scuole e comunità. Inoltre, sto sviluppando corsi di formazione più brevi incentrati sull'empowerment femminile e sessuale attraverso la scienza dello yoga. Credo che la consapevolezza di sé sia la chiave di ogni sfida che un essere umano deve affrontare. E che qualsiasi terapia o formazione esterna che possiamo intraprendere sia sempre rafforzata quando riusciamo a piantare dentro di noi i semi dell'intenzione e dell'amore. Creare una comunità e mettere in contatto anime che la pensano allo stesso modo, sia che si tratti di un workshop, di un ritiro o di un ambiente di formazione. Essere visti e convalidati dagli altri è la chiave per vedere e credere lentamente in noi stessi. 

Nel 2024, mi propongo di collaborare con le organizzazioni e spero di utilizzare la mia passione per il public speaking e l'empowerment negli ambienti aziendali. L'obiettivo è quello di motivare e muovere le persone in posizione di leadership verso un approccio più incentrato sui valori della produttività e della sostenibilità e di allineare le azioni con una maggiore intenzione e compassione per se stessi (corpo e mente) e per la comunità in generale.

Man mano che proseguirò i miei progetti, inviterò altri yogi a unirsi a me e cercherò collaborazioni per espandere la portata del "curriculum consapevole" alle istituzioni educative, con l'obiettivo finale di integrarlo nell'istruzione tradizionale. Poiché tornerò allo stesso progetto nel 2025, sto ottimizzando il programma (la sua durata, i suoi risultati scientifici, altri punti di riscontro) e mi sto aprendo ad altre strade e collaborazioni. Mi dedico a sostenere la sostenibilità e i progetti umanitari attraverso donazioni costanti, con l'intenzione di creare una ONG formale. Passo dopo passo, mi impegno a potenziare gli altri attraverso l'educazione e il cambiamento positivo..

Connettiti con Ann

Seguire Ann su Instagram e YouTube! Inoltre, non perdete l'occasione di partecipare a un corso online gratuito iscrivendovi tramite L'angolo della consapevolezza

Le offerte di Ann includono una serie di opzioni come corsi online, corsi di formazione per insegnanti di yoga tenuti in Portogallo e Nicaragua e ritiri rigeneranti. Per maggiori dettagli, esplorate di più qui.

Ascolta

Restituire

Manduka ha contribuito con 30 tappetini da yoga al progetto Yoga4Kenya, in linea con la sua missione di promuovere una vita consapevole e favorire una società radicata nella consapevolezza di sé, nella compassione e nel coraggio.

Nel 2024, Conscious Corner ha promosso un'iniziativa educativa per gli operatori sanitari della comunità in Kenya. Attraverso Yoga4Kenya, hanno introducono a questi operatori la scienza e le tecniche del lavoro corporeo, della regolazione del respiro e della gestione del sistema nervoso, valutandone gli effetti sui livelli di stress acuto, sull'autostima e sulla resilienza emotiva.

Scoprite di più sull'efficace lavoro di Yoga4Kenya.


Condividere le buone vibrazioni e i migliori tappetini, abbigliamento e attrezzature per lo yoga dal 1997.

Condividere le buone vibrazioni e i migliori tappetini, abbigliamento e attrezzi per lo yoga dal 1997. #ispirarelapratica